Ultime notizie

Come non pagare WhatsApp ogni anno

15/05/2015

WhatsApp costa (solo) 89 centesimi di euro all’anno. Un prezzo irrisorio se messo a confronto con il grande utilizzo che facciamo dell’applicazione, ancor di più se pensiamo a quanto costavano i vecchi e cari SMS. Eppure, non tutti sono disposti ad affrontare questa spesa e, naturalmente, ci sono dei trucchi per evitarla. In questo post vediamo come non pagare WhatsApp ogni anno e poter usufruire dell’applicazione in modo totalmente gratuito.

come fare per non pagare whatsapp

 

Aggiornamento 2016: WhatsApp è gratis per tutti gli utenti

Esistono quattro modi (due ufficiali e due non) per avere l’applicazione gratuita.

Prima di vederli nel dettaglio, però, sfatiamo subito un mito: non è vero che cancellando e re-istallando l’applicazione WhatsApp diventa gratuito. Molti credono che sia così semplice. In realtà, basta fare una prova per capire che si tratta solo di una delle tante bufale che si trovano sul web.

Importante! Prima di seguire uno di questi metodi, è bene effettuare una copia di backup di tutti i vostri dati WhatsApp, i modo da evitare di perdere messaggi, foto e altre informazioni se dovesse presentarsi qualche imprevisto. (La procedura per fare il backup è spiegata in fondo a questo articolo).

 

#1. Come non pagare WhatsApp: metodo iPhone

Questo trucco per non pagare WhatsApp riguarda soltanto gli smartphone Apple iPhone. Fino a qualche tempo fa, infatti, chi scaricava WhatsApp su iPhone pagava soltanto una somma una tantum e poi poteva usufruire del servizio gratuito a vita.

Bene, tutto quello che dovete fare adesso per non pagare WhatsApp su iPhone è scaricare WhatsApp utilizzando la stessa SIM (e dunque lo stesso numero di telefono, che non deve essere stato cambiato) con cui era stata scaricata l’applicazione con il pagamento una tantum.

Dopo aver effettuato il download, l’applicazione vi riconoscerà come un utente che ha già il servizio gratuito attivo per tutta la vita ed eviterete dunque di dover pagare il canone.

Dopo aver ottenuto WhatsApp gratis con questa procedura, potete decidere di cambiare il numero di telefono a cui è associata la app e traferire il vostro abbonamento gratuito su un altro numero di telefono. Per farlo, basta andare su Impostazioni -> Account -> Modifica Numero.

 

#2. Come non pagare WhatsApp: metodo “paga un amico”

Un altro modo per avere l’applicazione a costo zero è quello di far pagare WhatsApp a qualcun altro, come un amico o un parente.

Per farlo, esistono due modi. O spiegare al vostro amico come fare e fargli fare il pagamento per vostro conto direttamente dal suo cellulare, o inviargli il link per il pagamento via email.

Nel primo caso, dite al vostro “benefattore” di andare su Impostazioni -> Contatti e cliccare su Paga per un amico. A questo punto, dovrà solo inserire il vostro numero di telefono e scegliere la procedura di pagamento (PayPal o Carta di Credito) con cui farvi questo piccolo regalo.

In alternativa, potete inviare voi stessi un link via email al vostro benefattore. In questo caso, basta aprire WhatsApp e andare su Impostazioni -> Account -> Info pagamento e cliccare su Invia link pagamento. Adesso inserite l’email a cui volete girare il pagamento. Il benefattore riceverà una email con il un link (che può essere aperte sia da telefonino che da tablet che da pc) che lo porterà alla procedura per pagare la vostra applicazione.

 

#3. Come non pagare WhatsApp: metodo “elimina l’account”

Questo terzo trucco per non pagare WhatsApp può essere altamente pericoloso ma in alcuni casi può tornare utile (a mali estremi, estremi rimedi).

In poche parole consiste nel cancellare completamente il vostro account ed effettuare una nuova registrazione da un altro telefonino. I passaggi sono semplici ma devono essere eseguiti correttamente per evitare pasticci.

  • Per prima cosa cancelliamo l’account WhatsApp andando su Impostazioni -> Account -> Elimina account. Inserite il vostro numero di telefono e cliccate su Cancella account.
  • Dopo, eliminate l’applicazione dal vostro telefono.
  • A questo punto vi servono un altro cellulare (su cui non è installato WhatsApp) con una nuova SIM (diversa da quella che usavate prima).
  • Scaricate WhatsApp sul nuovo telefono e completate la procedura di istallazione inserendo il codice di verifica che ricevete via SMS.
  • Adesso, dovete cancellare di nuovo sia l’account che l’applicazione, ma questa volta sul nuovo telefono che vi siete procurati.
  • Per concludere, istalla nuovamente WhatsApp sul tuo telefono (non quello in prestito) e registrati normalmente con il tuo numero.

P.S. Questo metodo potrebbe non essere efficace al 100%. Gli ingegneri di Whatsapp sono sempre a lavoro per evitare certi escamotage.

 

#4. Come non pagare WhatsApp: metodo “pc simulator”

Quest’ultimo modo per avere WhatsApp gratis a vita sul vostro cellulare lo abbiamo chiamato “pc simulator” perché consiste nell’utilizzare un simulatore sul computer. Il trucco che spiegheremo non è illegale in tutti i paesi, ma è semplicemente un modo per sfruttare senza costi tutte le potenzialità dell’applicazione. Anche se, ricordiamolo ancora, WhatsApp è disponibile gratuitamente per il primo anno per tutti gli utenti e gli anni successivi il costo è veramente minimo, solo 89 centesimi.

Vediamo nel dettaglio come funziona il metodo “pc simulator”:

Anche se il nostro conto WhatsApp è associato al numero di telefono che registriamo, sui server del servizio queste informazioni si sincronizzano anche con l’identificatore univoco (il cosiddetto ID) del dispositivo mobile. Grazie a questo, i dispositivi registrati per la prima volta possono usufruire del servizio gratuito. Così, grazie al simulatore, è come se WhatsApp pensasse che siamo dei nuovi utenti e dunque non ci costringe a pagare per continuare ad utilizzare l’applicazione.

Tutto quello che serve è un computer sul quale si dovrà installare un emulatore del sistema operativo mobile Android. Vi consigliamo di usare Manymo, ma ogni emulatore che funzioni è una buona alternativa.

Ecco i passaggi da seguire:

  • Cancellare l’account e l’applicazione dal vostro smartphone (come nel metodo 3)
  • Aprire l’emulatore di Android (Manymo) sul browser web del computer.
  • Accedere all’applicazione Browser e inserire l’URL http://www.whatsapp.com/android.
  • Cliccare su Download Now e, dopo averla scaricata, installare l’applicazione.
  • Aprire WhatsApp nell’emulatore e registrare il numero di telefono.
  • Attendere fino a quando non si riceve un SMS con il codice (o, in alternativa, usare la chiamata).
  • Scaricare e installare nuovamente WhastApp sul proprio cellulare usando il nuovo codice ricevuto.
  • Adesso, dopo aver attivato WhatsApp, vedrete che il servizio è gratuito per un anno.

Per rendere il servizio gratuito a vita, basta ripetere la procedura ogni qual volta sta per scadere l’anno gratuito.

P.S. La licenza costa solo 89 cent/anno quindi vi invito a pagarla senza usare questo trucchetto. Ovviamente la procedura è illegale (Anche se alla fine è un errore degli stessi sviluppatori, quindi è illegale solo in parte). In ogni caso DECLINO ogni responsabilità. Se avete problemi o la ritenete offensiva potete scrivere a jan@whatsappmania.it richiedendo la rimozione.

 

come usare telegram al posto di whatsapp

Telegram, l’alternativa gratuita a WhatsApp

Se non volete pagare WhatsApp e queste procedure vi sembrano complicate o noiose, potete optare per un servizio alternativo che offre gli stessi servizi di WhatsApp, ma senza costi. Stiamo parlando di Telegram Messenger, il servizio di messaggistica istantanea alternativo a WhatsApp che più di tutti si è fatto largo nel settore.

Grazie a questa applicazione gratuita è possibile inviare messaggi, foto, video e documenti per le persone che sono nella rubrica del telefono (e hanno Telegram). È inoltre possibile creare gruppi fino a 200 persone.

Telegram è basata su un sistema Cloud e il suo punto di forza è un sistema di criptazione moderno e funzionale. Ciò significa che i messaggi sono sincronizzati alla perfezione attraverso qualsiasi telefono, tablet o computer in modo sicuro. Inoltre, è possibile condividere un numero illimitato di documenti (doc, zip, mp3, ecc). Senza costi di pubblicità o di sottoscrizione.

L’applicazione è disponibile per iPhone, Android e Windows Phone.

Dopo averla scaricata, basta seguire le semplici indicazioni di attivazione, associarla al proprio numero di telefono e iniziare a comunicare!

Se vuoi scoprire ulteriori dettagli, ecco un post dedicato alle migliori alternative a WhatsApp.

 

come effettuare il backuo su whatsapp

Come effettuare il backup su WhatsApp

Come indicato all’inizio di questo articolo, è bene fare sempre una copia dei dati WhatsApp prima di provare uno dei trucchi spiegati sopra. “Meglio prevenire!” dice il proverbio. Anche perché, in caso di effetti collaterali, non esiste una cura 

Vediamo come effettuare il backup su iPhone e Android (sugli altri dispositivi la procedura rimane comunque molto simile):

Backup iPhone: andare su Impostazioni -> Impostazioni chat -> Backup della chat e cliccare su Esegui backup adesso (questa procedura richiede l’attivazione di iCloud e consente di salvare sia le chat che foto, non i video. Per i video, si possono sempre salvare sul proprio smartphone)

Backup Android: andare su Impostazioni (i tre pallini in alto) poi su Impostazioni chat e cliccare su Backup delle conversazioni.

Se invece volete fare una copia di backup e poi ripristinarla su un telefonino con un sistema operativo diverso, è più sicuro usare WhatsApp transfer. Potete trovare la procedura per utilizzare questo piccolo programmino nell’articolo Come Fare Backup e Ripristino delle Chat Whatsapp realizzato da Whatsapprecovery.

Intanto, per avere un’idea più chiara dei costi reali dell’applicazione (sia quelli di abbonamento che delle chiamate, su cui ci sono molti dubbi), potete trovare tutte le informazioni necessarie nel post “WhatsApp è a pagamento? Dipende. Ecco i dettagli“. Se invece avete cambiato idea e pensate di non usare questi metodi per avere WhatsApp gratis, puoi consultare questa guida su come pagare WhatsApp senza intoppi o problemi.





Potrebbero interessarti anche:

  • Fabius

    Francamente io vedo che il rinnovo in questi ultimi mesi arriva a tutti gratuitamente senza nemmeno rendersene conto. Quando vai nelle “info pagamento” scopri che si è rinnovato da solo di un anno.

  • I misteri della tecnologia… Hahahahahah